Controllo individuale o "Performance Test"

Lo scopo di un Centro di Controllo Individuale è di mettere a parità di condizioni tutti i vitelli, eliminando gli effetti ambientali, per far sì che le differenze di prestazioni dei vitelli riflettano il loro valore genetico. L'effetto principale da controllare è l'alimentazione, che deve essere uguale per tutti i soggetti.

cgenetico

Ogni mese i 15 vitelli provenienti dal pre-centro sono ripartiti in 3 box di 5 vitelli ciascuno. Nell'arco degli ultimi 7 mesi di prova tutti i soggetti sono controllati mensilmente per l'incremento ponderale. Alla fine della prova, all'età di circa 12 mesi, saranno poi valutati per le loro conformazione e morfologia.

Strutture

Il centro genetico è composto da 5 stalle indipendenti per effettuare il performance test. Ogni stalla è suddivisa in 5 box di circa 30 metri quadri ciascuno con lettiera. Ogni box accoglie 5 vitelli che hanno accesso ad un paddock esterno indipendente. Ogni stalla possiede un suo fienile in modo da poter renderla totalmente indipendente dalle altre.
Per le operazioni da effettuare sui vitelli (pesate, prove sanitarie...), un corridoio esterno permette la loro movimentazione in maniera individuale ed in condizioni di massima sicurezza.
Il centro genetico è anche dotato di una sesta stalla, di 12 box individuali, che ospita i tori di un anno in attesa di spostamento o di macellazione.
Infine una stalla detta "infermeria" è disponibile per isolare eventuali vitelli con problemi di salute.

Prove sanitarie


Nell'arco dei 7 mesi di prova nel centro genetico, i vitelli sono monitorati con altre 3 prove sanitarie. L'ultima, alla fine della prova, è valida per lo spostamento dei torelli in azienda.

Alimentazione


La razione è composta da 2 alimenti: mangime "allevamento" e fieno. Al fine di mantenere l'omogeneità delle condizioni ambientali tutti i vitelli ricevono la stessa identica razione. Di conseguenza il mangime è limitato e ciò permette di evidenziare i vitelli che crescono di più, grazie al loro potenziale genetico, pur avendo mangiato le stesse quantità di mangime degli altri. In altre parole si selezionano animali con la migliore efficienza alimentare in modo da ridurre le spese di alimentazione per gli allevatori.
La distribuzione è controllata da un alimentatore automatico che riconosce ogni vitello grazie al suo collare magnetico e che libera il mangime in 4 pasti giornalieri, ogni 6 ore.
cgeneticoLa quantità di mangime distribuito aumenta progressivamente con l'età, da circa 3 kg al giorno all'ingresso nel Centro Genetico a 4,5 mesi di età, fino a circa 7 kg al giorno a fine prova a 12 mesi di età. A livello qualitativo questo mangime non è eccessivamente energetico (tenore in amido del 38 %) dal momento che la finalità è allevare futuri riproduttori e non vitelloni all'ingrasso.
Oltre al mangime i vitelli hanno sempre a disposizione del fieno maggengo a volontà. Le quantità di fieno ingerite vanno da 1 kg a 4,5 mesi di età fino a 2,5 kg a 12 mesi.

 

Controllo ponderale

I vitelli vengono pesati ogni 4 settimane per un totale di 8 pesate in 7 mesi. Nella fase di massima crescita i vitelli raggiungono delle punte di incremento di più di 2 kg al giorno. Per i soggetti provati negli ultimi 2 anni (350 capi), la media degli accrescimenti è stata di 1,52 kg al giorno nell'arco dei 7 mesi, corrispondenti ad un peso medio di 490 kg a 12 mesi.
Le 11 pesate, 3 nel pre-centro e 8 nel centro genetico, sono utilizzate per il calcolo dell'Indice Accrescimento. Essendo frutto di pesate precise in condizioni standardizzate, l'accrescimento ha un'ereditabilità molto alta, superiore a 50%.

Controllo del carattere

Vengono effettuati 2 test comportamentali, il primo all'ingresso dei vitelli nel centro genetico a 4,5 mesi di età e il secondo alla fine della prova a 12 mesi di età.
I 2 test studiano la docilità dei vitelli attraverso l'interazione animale-operatore, cioè valutando la loro capacità ad essere addomesticati. Se un vitello si dimostra incontrollabile nel primo test all'ingresso, viene scartato dalla prova. Allo stesso modo un torello con un carattere molto nervoso nel secondo test a fine prova ne preclude la vendita in Monta Naturale.